Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Donne Nel mondo, nella storia
Donne. Nel mondo, nella storiaStefania Nardini candidata al Premio Strega 2024
di Antonia del Sambro

Stefania Nardini, giornalista, scrittrice, saggista e capo ufficio stampa parlamentare ha alle spalle una lunghissima carriera televisiva e di autrice di storie che l’ha portata a essere uno dei nomi più apprezzati nel panorama culturale italiano.

Nel 2023 torna in libreria con un potente romanzo di attualità pubblicato da Les Flâneurs che parla di donne, di Kiev, di Ucraina e di resistenza; ma lungi dall’essere un romanzo solo sulla guerra è un romanzo sulla forza, la caparbietà e la resilienza delle donne.

Già, le donne, quelle che sono sempre le prime a pagare per le decisioni degli uomini e che si ritrovano nell’occhio del ciclone a lottare contro corrente per sopravvivere alla tempesta.

L’ultimo treno per Kiev racconta proprio questo: l’Ucraina del post comunismo, che è una “terra di nessuno”, un Eldorado per il capitalismo selvaggio; dove Irina, ex professoressa di lettere e meravigliosa protagonista di questa storia, decide allora di fuggire.

E così arriva da clandestina in un’Italia dove quelle come lei diventano un supporto indispensabile per molte famiglie. L’incontro con Rosa, giornalista femminista e sua datrice di lavoro, la metterà di fronte a un mondo sconosciuto e che la storia le ha omesso.

Un romanzo che parla di donne e di resistenza, pertanto, questo di Stefania Nardini che, proprio per la sua incredibile contemporaneità e capacità di far riflettere ed emozionare, ora è candidato al Premio Strega 2024 con la motivazione data dal giornalista di RaiUno Gianni Maritati che riportiamo fedelmente: “Con uno stile aderente alla crudezza della realtà raccontata, il romanzo ricostruisce in modo doloroso la fuga di tante donne ucraine dalla fame e dalla guerra. Con gli occhi di Irina, la protagonista costretta a lasciare il suo Paese per cercare in Italia un nuovo futuro insieme a sua figlia, possiamo vedere le piaghe dell’immigrazione clandestina, lo strapotere delle mafie, le scosse terribili dello sradicamento culturale. Un viaggio, quello di Irina, verso la libertà e l’emancipazione. I personaggi sono memorabili. Da sottolineare la partecipazione affettuosa ma mai invadente dell’autrice a un grande dramma del nostro tempo”.

In bocca al lupo a Stefania Nardini, quindi, per questa prestigiosa candidatura e a tutte le lettrici di Telegiornaliste per le loro personalissime, grandi e piccole, battaglie quotidiane.

 interviste a personaggi


HOME SCHEDE+FOTO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter  Instagram

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster