Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Michela Paolino   Tutte le interviste tutte le interviste
Michela PaolinoTelegiornaliste anno XVII N. 29 (679) del 27 ottobre 2021

Michela Paolino, la mia Cenerentola attuale
di Giuseppe Bosso

Incontriamo Michela Paolino, scrittrice varesina che ci parla della sua ultima fatica letteraria, edita da L'ArgoLibro

Come nasce Cenerentola in quarantena e da cosa ha tratto ispirazione?
«Cenerentola in quarantena nasce un po' per gioco. Ho scritto i primi capitoli sotto forma di racconti, per rispondere a un'iniziativa della rete bibliotecaria della mia provincia, Varese, che prevedeva la pubblicazione di brevi testi su un proprio blog. Da lì nella mia testa si è delineata tutta la storia, ed è arrivata l'idea di stilare un vero e proprio romanzo. Una storia attuale, ispirata dalla situazione anomala che tutti noi ci siamo trovati (ed in parte ancora ci troviamo) a vivere».

Matilde, la protagonista, simbolicamente rappresenta, con l’evento di cui parla nel libro e che ovviamente lasciamo scoprire alla curiosità dei lettori, la delusione per un’attesa tradita e il sapersi rimboccare le maniche anche di fronte all’avversità che ha rappresentato il covid?
«Sicuramente rappresenta una delusione all'inizio. Ma poi, la situazione che vive, passa dall'essere negativa, all'essere speciale. Quello che sembra solamente un periodo no, diventa un periodo diverso e sorprendente. Questo è un po' il messaggio positivo e di speranza che vorrei passasse: a volte dietro una situazione apparentemente nera, può nascondersi l'inaspettato e rivelarsi ancora più bello, e per l'appunto speciale».

In che modo ha cercato di promuovere la sua opera, tenuto conto delle limitazioni che, ora in calo, per molto tempo ha avuto la possibilità di andare per l’Italia a fare presentazioni?
«Proprio per via delle limitazioni ho promosso il mio romanzo principalmente online, tramite social e con iniziative via Instagram che hanno goduto di un ottimo seguito. Ho inoltre avuto la fortuna di collaborare con alcune scuole, con "presentazioni tramite schermo", e solo per un paio di classi dal vivo».

In prospettiva futura valuterebbe la possibilità di una trasposizione cinematografica o televisiva del racconto?
«Assolutamente sì! Anche se al momento mi sembra un sogno molto lontano. Ma la vita mi sta insegnando che non bisogna mai dire mai, quindi chissà...».

Chi è Michela Paolino, oltre la promettente scrittrice che sta acquisendo visibilità con i suoi libri?
«Michela è una giovane donna, che lavora come impiegata presso un'azienda attiva in campo internazionale (sfruttando gli studi linguistici). In parallelo, però, sente la necessità di dare sfogo alla parte artistica di sé. Così scrive (sia per narrativa, che per il proprio blog), ogni tanto disegna, e coltiva una passione per la moda, che per lei è anche un importante mezzo di espressione. Inoltre ama viaggiare, esplorare i dintorni, praticare sport, e stare in compagnia di famiglia e amici. Insomma, è una giovane donna che non si annoia mai!».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster