Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Sabrina Bertolani   Tutte le interviste tutte le interviste
Sabrina BertolaniTelegiornaliste anno XVI N. 5 (622) del 12 febbraio 2020

Sabrina Bertolani, tra sport e blog
di Giuseppe Bosso

Incontriamo Sabrina Bertolani, opinionista di Palle e Palloni in onda su Telereggio.

Come ha vissuto Reggio Emilia la scomparsa di Kobe Bryant, legatissimo alla città?
«Incredulità, tristezza e sconforto sono stati i sentimenti degli ultimi giorni in città. Bryant conosceva molto bene Reggio Emilia, dove aveva vissuto per alcuni anni, tanto che parlava anche il nostro dialetto. Nel 2016 ha voluto fortemente fare tappa qui, durante il tour di uno sponsor, per salutare gli amici».

Come nasce e come si è sviluppato Sabadvance, il suo blog?
«Nasce a novembre 2018, prima su Facebook, in seguito su Instagram. Avevo voglia di qualcosa di nuovo, che mi facesse impegnare piacevolmente, creato da me. Nelle mie pagine si parla di curiosità, consigli, sport, moda, tempo libero e soprattutto cucina. Ho dato la possibilità ad amici della pagina di pubblicare loro creazioni in cucina, con ricette, foto e il loro nome. Questo sembra piacere molto sia a chi pubblica, sia a chi legge».

Il Sassuolo calcio, che lei segue, è un piccolo miracolo per la sua resistenza da anni. Quali crede siano i segreti del successo neroverde?
«Il Sassuolo calcio nasce in piccola realtà di circa 40000 abitanti. Grazie alla famiglia Squinzi riesce a fare il grande salto nel 2013, quando la squadra disputa il primo campionato di serie A. Molti, pensavano fosse una meteora; negli anni, invece si è dimostrata una buona squadra riuscendo a salvarsi tutti gli anni e raggiungendo anche l’Uefa; è un’ottima società, ben gestita e ben amministrata e non dimentichiamo che ha uno stadio di proprietà (quello di Reggio Emilia dove gioca le partite casalinghe) omologato Uefa».

La scomparsa del presidente Squinzi a distanza di mesi come è stata vissuta dalla società e dal territorio?
«La scomparsa del patron prima e della moglie, molto attiva e presente nella società calcistica, poi, sono stati un brutto colpo per tutto l’ambiente. I figli hanno garantito che il loro impegno continuerà e questo, al momento, ha tranquillizzato gli sportivi».

Ormai donna e giornalista sportiva è un binomio consolidato. Per lei è stato difficoltoso inserirsi in un ambiente comunque ancora tendenzialmente maschile?
«Abbastanza. Purtroppo c’è ancora chi pensa che le giornaliste non possano parlare di calcio e sport in generale, e siano meno esperte dei loro colleghi uomini. Fortunatamente stiamo assistendo a un’inversione di tendenza, grazie a colleghe molto preparate che stanno ottenendo grandi successi».

Da addetta ai lavori quale crede sia la ricetta per superare tristi fenomeni come il razzismo negli stadi e manifestazioni di odio a mezzo social come quelle di cui è stato vittima Mihajlovic?
«Purtroppo stiamo assistendo a un’esplosione di odio e aggressività che si manifesta anche negli stadi o sui social; è grave e bisogna prendere provvedimenti immediati per evitare che questo diventi, con il tempo, ingestibile e possa portare a episodi violenti. Per quanto riguarda lo stadio dovrebbero essere le forze dell’ordine e le società a cercare i rimedi giusti. Sui social ci vorrebbe maggior controllo da chi gestisce i network».

Si può conciliare vita professionale e privata?
«A volte è difficile. Ci vuole molta forza di volontà, tenacia, pazienza e soprattutto, organizzazione».

Sogno nel cassetto?
«Presentare qualche evento importante e poter arrivare a qualche trasmissione sportiva nazionale. Chiedo troppo?».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster