Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Rossella Russo   Tutte le interviste tutte le interviste
Rossella RussoTelegiornaliste anno XVI N. 7 (624) del 26 febbraio 2020

Rossella Russo, no allarmismi sul virus
di Giuseppe Bosso

Incontriamo Rossella Russo, volto di News Mediaset.

Come si è svolta fin qui la sua carriera?
«Ho iniziato questo mestiere relativamente tardi. Intorno ai 26 anni. Dopo la laurea in lettere moderne all’università cattolica del sacro cuore di Milano ho lavorato per qualche mese a Telelombardia per il programma il Gonfalone. Poi sono approdata nella redazione di un giornale locale "La gazzetta della Martesana" dove ho lavorato 4 anni e svolto il praticantato. In contemporanea insegnavo lettere alle scuole medie facendo delle supplenze anche annuali. Dopo essere diventata giornalista professionista nel 2002 sono stata assunta come capo ufficio stampa all'assessorato moda, turismo, eventi del Comune di Milano, durante la giunta Albertini. Qui sono rimasta 3 anni e mezzo. Ma desideravo tornare al giornalismo puro cosi ho accettato un contratto all'Agr presso Rcs mediagroup. Mi occupavo dei notiziari radiofonici. Era il novembre del 2005».

Come è approdata a Mediaset?
«Nel maggio 2006 vengo chiamata a Mediaset per una sostituzione estiva a Studio Aperto. Ma a settembre quell'esperienza finisce e inizio a lavorare come corrispondente per Radio Rtl 102.5. Nell'estate 2007 mi chiamano ad Apcom per il telegiornale di Mtv. Poi finalmente a novembre di quell'anno Mediaset si rifà viva e comincio a lavorare per i programmi di Videonews (Tempi moderni, Mattino 5, Pomeriggio 5, Domenica 5), fino all'agognata assunzione nel giugno 2011. Da settembre 2018 sono all'agenzia news Mediaset dove mi occupo dei servizi per i telegiornali. Il mio ambito riguarda soprattutto spettacoli, cronaca bianca, tendenze, attualità».

C'è un evento o un'esperienza che le sono rimasti particolarmente impressi?
«il mio sogno era da sempre seguire il festival di Sanremo da giornalista. E ho realizzato il mio sogno per la prima volta nel 2009. Poi ancora nel 2010. E poi negli ultimi tre anni. Un'esperienza faticosa (si corre da una parte all'altra e si dorme pochissimo) ma, per chi ama questa manifestazione nazionalpopolare, bellissima. Ho seguito il festival in tv fin da bambina. Un altro servizio che mi è rimasto impresso è legato al mio passato da cronista. Ero stata spedita a Ventimiglia per seguire l'emergenza migranti. Quella notte ho filmato il cammino a piedi fatto dai clandestini dall’Italia alla Francia. La loro gioia per aver varcato il confine dopo un viaggio interminabile dai loro paesi di origine, Tunisia, Libia, Algeria. E la paura di essere scoperti dalla gendarmerie e rispediti indietro. Cosa che per alcuni di loro è avvenuta».

Mamma e giornalista nell'Italia di oggi si può?
«Sono mamma dall'ottobre 2012 di una bimba. Non è facile conciliare tutto ma con molto impegno è possibile. Grazie al mio lavoro attuale gestito su turni è un po' più facile; è vero che lavoro spesso nei weekend e nei festivi ma questo mi consente di avere giorni liberi in settimana per seguire mia figlia a scuola e negli sport».

Il 2020 si è aperto con il caso Coronavirus: come ritiene debba essere affrontata questa emergenza sanitaria dal suo punto di vista di operatrice dell'informazione?
«Sono stata nella Chinatown milanese per documentare la situazione. Quartiere deserto. Ristoratori disperati. C’è una psicosi mal riposta; è vero che le informazioni che arrivano dalla Cina sono poche e discordanti ma bisogna mantenere lucidità e noi operatori dell'informazione non dobbiamo creare allarmismo».

Che idea si è fatta del nostro sito?
«Seguo il vostro sito da anni e mi sono accorta che non vi sfugge quasi nulla. Seguite il nostro lavoro con attenzione. Bravi continuate cosi».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster