Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Roberta Mancinelli   Tutte le interviste tutte le interviste
Roberta MancinelliTelegiornaliste anno XVI N. 14 (631) del 22 aprile 2020

Roberta Mancinelli, giornalista sociale
di Giuseppe Bosso

Intervistiamo Roberta Mancinelli, volto di Tgr Abruzzo.

Come si è svolto fin qui il suo percorso professionale che l’ha portata fino al Tgr?
«Al netto delle collaborazioni giornalistiche vere e proprie (siti internet, quotidiani, settimanali e tv internazionali come Euronews), ho iniziato con il terzo settore, da volontaria prima e collaboratrice poi negli uffici stampa di Commercio Equo Solidale e Legambiente. Esperienze che mi hanno formata moltissimo sul piano professionale e che ricordo sempre con affetto. È molto appagante poter condividere gli obiettivi del proprio datore di lavoro, sia esso pubblico o privato. Nel caso del sociale un connubio irrinunciabile».

Pro e contro di raccontare per il servizio pubblico le vicende di un territorio lontano dalle grandi metropoli, ma non per questo meno attivo e interessante.
«Vale il principio di cui sopra: più ci si identifica con il racconto, più si entra in empatia con il proprio lavoro e meglio si arriva anche al pubblico. Tenendo sempre ben presenti obblighi deontologici e professionalità. Il racconto dei territori è fatto di contatti umani e relazioni costanti con il mondo esterno. Non si vive solo dietro un computer, ma anche in strada. Se non si sta attenti certo si rischia di restringere gli orizzonti e scivolare nel provincialismo. Come antidoto funziona viaggiare spesso e leggere molto».

Qual è stato, in questi anni, l’evento che l’ha maggiormente coinvolta tra quelli che ha avuto modo di raccontare?
«Ci sono molti gravi casi ambientali che riguardano l’Abruzzo. Battaglie della popolazione contro veri e propri ecomostri (un esempio su tutti una piattaforma petrolifera che avrebbe dovuto vedere la luce al largo della costa dei Trabocchi, poi cancellata dai piani della multinazionale) e processi per disastri come la mega discarica di Bussi (Pe), oggi Sito di Interesse Nazionale in attesa di bonifica».

Attraverso la trasmissione mattutina Buongiorno Italia assistiamo all’interazione tra le varie redazioni regionali: è anche un’occasione di confronto tra diverse realtà territoriali?
«Certo. La Tgr è un’unica testata, ma distribuita in 20 regioni. Ci incontriamo per la formazione o per gli impegni sindacali, ma anche parlarsi attraverso un programma unico aumenta il senso di comunità».

Che idea si è fatta del nostro sito e dell’interesse che, come potrà vedere, riscontra tra i nostri lettori?
«Mi sembra uno strumento utile per conoscere un po’ di più volti che spesso associamo solo al video. Le storie dei telegiornalisti e delle telegiornaliste sono diverse e talvolta la tv è solo l’ultimo stadio di una carriera».

Da poco si è sposata: si può conciliare lavoro e vita privata con i ritmi della società di oggi?
«Certo che si può! Eravamo una famiglia già molto prima del matrimonio con due bambini che ci hanno felicemente accompagnati all’altare. È faticoso e a volte capita di perdere la pazienza, ma è necessario far quadrare i conti in entrambi gli ambiti».

Nel 2020 qual è la notizia che spera di poter raccontare?
«Non ci sono notizie di serie A e notizie di serie B, spesso microstorie contengono elementi universali e apparenti grandi fatti si dimostrano poi deludenti. Servono passione e coraggio, specie nel Servizio Pubblico, non bisogna mai dimenticarsi di tenere la giusta distanza dal potere e dalle lusinghe che potrebbero nascondere secondi fini».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster