Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Lodovica Palazzoli   Tutte le interviste tutte le interviste
Lodovica PalazzoliTelegiornaliste anno XV N. 32 (614) del 27 novembre 2019

Lodovica Palazzoli, pane e aeroplani
di Giuseppe Bosso

Da ormai un anno nella squadra del programma di Rete 4 Stasera Italia, autrice di tre libri, incontriamo Lodovica Palazzoli.

Come stai vivendo l’esperienza a Stasera Italia e con quale spirito racconti l’Italia di oggi?
«Entrare nella squadra di Stasera Italia è stata una piacevole scoperta e un’incredibile opportunità, l’ho pensato il primo giorno che sono arrivata in redazione e continuo a pensarlo ogni mattina. È un programma con un’anima politica, ma anche irriverente, attenta all’attualità, ma alla continua ricerca di una prospettiva diversa, mai scontata. E questo è anche l’approccio con cui cerco di raccontare la realtà del nostro paese, fuori e dentro i palazzi».

Sia pure a distanza cosa ti ha dato l’interazione con personaggi come Nicola Porro e Barbara Palombelli?
«Nicola e Barbara sono due professionisti di altissimo di livello, perciò sono stata molto fortunata a poter collaborare con loro. Hanno un modo diverso di lavorare, di fare televisione e questo mi ha permesso di imparare ancora di più. Sono però entrambe persone con cui è piacevole parlare al di fuori del lavoro, hanno tante storie e aneddoti da raccontare. Per chi come me è entrato da poco nel mondo del lavoro i loro racconti permettono di guardare avanti con fiducia. Con Barbara il rapporto è quasi quotidiano, perché il programma va in onda tutti i giorni. È una persona capace di sorprenderti di continuo, come qualche settimana fa quando in uscita da un mio servizio in cui parlavo delle spese che gli italiani sono pronti ad affrontare per le nozze, ha annunciato in diretta il mio matrimonio».

Da cosa nasce la tua passione per l’Aeronautica, per cui hai realizzato diversi reportage?
«Sono cresciuta a pane e aeroplani. Mio nonno Eolo era un pilota dell’Aeronautica Militare e così la passione per il volo, dopo mio padre, ha contagiato me. Sono più di dieci anni che collaboro con l’Arma Azzurra, realizzando articoli, video e reportage in giro per le basi e gli aeroporti militari. Esperienza che mi è valsa anche la possibilità di realizzare un volo su un jet, l’MB339, lo stesso usato dalle Frecce Tricolori. Un’emozione che è ancora estremamente viva in me».

Il tuo percorso di studi non era propriamente indirizzato al mondo del giornalismo, cosa ti ha portato a seguire questa strada?
«A dire la verità, quando ho scelto giurisprudenza alla Luiss l’ho fatto pensando che fosse una facoltà che lasciasse aperte varie opzioni lavorative. Tra gli insegnanti che ho avuto c’era anche la professoressa Paola Severino, titolare di diritto penale; ricordo che l’ultimo giorno che venne all’università prima di diventare ministro della Giustizia ci disse: “Chi tra di voi farà il giornalista non dica o scriva mai reato penale: è un errore, perché il reato è solo penale”. Sentire che anche lei immaginava per noi un futuro nel mondo del giornalismo, mi ha convinto ancora di più di aver fatto la scelta giusta».

Quanto credi abbiano cambiato i social e la rete il mondo dell’informazione?
«Sicuramente il mondo dell’informazione si è velocizzato, facilitando i collegamenti. Il rischio oggi è quello di essere superficiali, di credere di avere subito la verità in tasca. Le sfaccettature, i particolari tendono a perdersi. Secondo me è proprio in questo frangente che il giornalista può dimostrare il proprio valore, cogliendo quei dettagli che fanno la differenza, raccontandoli».

Lavoro in un prestigioso network, tre libri che hai scritto: ti senti realizzata?
«Credo che il servizio migliore come il libro più bello non sia l’ultimo realizzato, ma sempre il prossimo. Questo non significa che non mi accontento. Mi piace ogni tanto guardarmi indietro e vedere alle mie spalle cosa c’è. Ma il nostro è un mondo fragile, con poco o nulla di definitivo e perciò non bisogna mai cadere nel tranello di credere che sia finita. Personalmente penso che ogni giorno sia una nuova sfida, appena iniziata. Quindi, testa bassa e pedalare».

Cosa ti aspetti dal 2020?
«Di certo di continuare a crescere professionalmente, di vivere nuove avventure, di essere messa di fronte a nuove prove e di superarle. E poi chissà…».

Che idea ti sei fatta di Telegiornaliste?
«Seguo Telegiornaliste da alcuni anni. È un settimanale che mi piace perché dà voce e spazio alle donne, a donne che come hanno le stesse passioni e ambizioni. È una finestra aperta su una realtà, quella del giornalismo femminile in tv, che vale sempre la pena di raccontare e approfondire».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster