Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Giorgia Cardinaletti   Tutte le interviste tutte le interviste
Giorgia CardinalettiTelegiornaliste anno XV N. 11 (593) del 27 marzo 2019

Giorgia Cardinaletti: dico sì al var
di Giuseppe Bosso

Abbiamo il piacere di incontrare Giorgia Cardinaletti, da tre anni conduttrice della Domenica Sportiva su Raidue.

Con quali prospettive stai affrontando il tuo terzo anno al timone della Domenica Sportiva?
«Cercando di raccontare con un occhio diverso la realtà del calcio. Il nostro è un approfondimento giornalistico e come tale l’analisi che facciamo a fine giornata contiene diversi elementi e spunti di riflessione. Per quanto riguarda me è un terzo anno diverso: conduzione unica. Molto importante professionalmente ma anche una grande responsabilità».

Ci lasciamo alle spalle purtroppo una stagione che verrà ricordata soprattutto per la clamorosa eliminazione dell’Italia dai Mondiali di Russia che ci apprestiamo a vivere: è comunque una sconfitta che può essere l’inizio di un radicale rinnovamento del calcio italiano come accadde nel 1966 dopo la sconfitta in Inghilterra con la Corea del Nord?
«Come poter dire il contrario? Peggio di così non possiamo fare quindi sicuramente ci sarà rinnovamento. Parlo dei giovani, dei futuri leader che già spingono in campo e che stanno facendo bene; è un momento interessante anche per il delicato passaggio di valori al quale stiamo assistendo. Prima Buffon e i più giovani, oggi Chiellini, Bonucci, De Rossi. Punti fermi per le nuove generazioni del calcio».

Tu alla Domenica Sportiva, Simona Rolandi a Novantesimo Minuto e Paola Ferrari al seguito della Champions League, per non parlare delle altre emittenti: il giornalismo sportivo è donna?
«Anche. E ormai da anni. Colleghe molto brave hanno aperto la strada tempo fa. Se all’inizio poteva sembrare strano oggi sarebbe assurdo il contrario. Detto questo trovo certi discorsi inevitabilmente retorici. Dunque credo che alla fine dei conti donna o uomo che sia non importa, il giornalismo sportivo deve essere leale e autorevole».

L’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus è un valore aggiunto o rischia davvero di accrescere ulteriormente il divario tra i bianconeri e il resto del campionato?
«Valore aggiunto e stimolo per tutte le altre. Per non parlare del business collegato all’operazione. Un ritorno per la Juve, per la città di Torino e per il Paese».

Var sì o var no a distanza di quasi due anni dalla sua adozione?
«Var sì, ormai fondamentale e direi inevitabile. Ci stiamo abituando ad un nuovo modo di vivere il calcio. Gli arbitri non potevano essere gli unici a non rivedere l’azione al momento quando il tifoso dal divano poteva avere quattro inquadrature diverse dello stesso episodio. All’inizio si pensava potesse intaccare l’autorevolezza del giudice di gara. A lungo andare si è capito che è un vantaggio avere la tecnologia, sia per chi sta in campo sia per gli arbitri».

Hai frequentato la scuola di Perugia: la formazione teorica quanto è importante nel giornalismo di oggi, dove è richiesta sempre più esperienza diretta sul campo?
«Lo studio è la chiave dell’autorevolezza. Fondamentale. In un momento storico in cui attraverso il web tutti possono informarsi su tutto la differenza sta nella qualità dell’informazione che si cerca di dare».

Sei tra le tgiste più seguite e ammirate tra i nostri lettori: segui qualche accorgimento dal punto vista del look?
«Cerco di seguire il mio modo di essere. Di base mi pare abbastanza semplice».

E sempre in merito al look, da alcune tue interviste leggo che sei alquanto “no tacchi alti”, vero?
«Mi piacciono molto, ma mi sento più a mio agio senza».

Cosa pensi se ti dico la parola domani?
«È un po’ come dire “cosa c’è dietro l’angolo”, per citare un maestro. Ci ho pensato spesso: dietro l’angolo per me c’è un ristorante. Domani magari una nuova avventura».

Ti sei mai sentita imbavagliata?
«Mai, per fortuna».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster