Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Francesca Sancin   Tutte le interviste tutte le interviste
Francesca SancinTelegiornaliste anno XV N. 29 (611) del 30 ottobre 2019

Francesca Sancin, Gt Ragazzi un pezzo di cuore
di Giuseppe Bosso

Incontriamo Francesca Sancin, inviata del Tg3.

Come si è svolta la sua carriera, in sintesi?
«Da bambina ero quella che, se c’era il tema, a ricreazione stava ancora lì a tirar giù righe di inchiostro… preciso però che negli altri giorni ero a correre a razzo inseguendomi coi compagni! Mi è sempre piaciuto scrivere, è qualcosa che fa profondamente parte di me. Ma per quanto un’idea sia radicata, non sempre è facile intravedere la via. Per questo credo sia responsabilità degli adulti aiutare i ragazzi a farlo. Spiegare quali sono gli ostacoli, ma anche per quali pieghe del cuore passa la strada verso i propri desideri. Io ci ho messo un po’ a mettere a fuoco il mio itinerario. Prima mi sono laureata in archeologia e poi ho insegnato. Alla scuola di giornalismo di Perugia sono arrivata a trent’anni. Il mio primo contratto in Rai è stato per la Rainews24 di Roberto Morrione. Poi il Tg3, che è ancora la mia casa».

Cosa ricorda del periodo a Gt Ragazzi e cosa le ha dato?
«Al Gt Ragazzi ho lasciato un pezzo di cuore. Anche coi colleghi della squadra di quegli anni è rimasto un legame speciale. Lavorando per i ragazzi non puoi dare niente per scontato. Quindi impari a spiegare e, possibilmente, a farlo senza annoiare lo spettatore. Lavoravamo molto anche coi “live” e continuo a prediligerlo come modo di raccontare. Grande cura anche per il montaggio, che è restato un mio pallino, per così dire».

Quali differenze ha riscontrato tra il pubblico dei ragazzi e quello adulto?
«L’importante è stabilire una connessione. Capire a chi stai parlando e aver sempre ben chiaro che hai il privilegio e la responsabilità di raccontare qualcosa che hai visto coi tuoi occhi… per il resto non ci sono grandi differenze. Anche se forse i ragazzi sono degli ascoltatori più attenti».

Due anni fa l’abbiamo vista partecipare ad una pedalata in Trentino: ci racconta questa esperienza?
«Confesso di non ricordarmi alcuna pedalata in Trentino… probabilmente è la prova che giro come una trottola! Però ricordo una pedalata qualche mese fa sui colli bolognesi! Era un giorno di pioggia battente; eravamo su una tappa dell’Appennino bike tour. La cosa più difficile è stata reggere il gelato con la sinistra, mentre pedalavo e, con la destra, reggevo il manubrio, badando a mantenere la giusta distanza tra la mia ruota e quella dell’intervistato».

Il servizio o l’intervista che le ha dato maggior soddisfazione?
«Quando posso dar voce alle persone che hanno problemi. Un esempio. Una mamma di sessant’anni, con la figlia adolescente disabile grave, costretta a portarla a scuola spingendo la carrozzina in salita per oltre un chilometro. Nel suo comune di residenza non è previsto il servizio di trasporto scolastico per gli studenti delle superiori».

Gioie e dolori di una vita da inviata.
«La partenza a bruciapelo è sempre difficile emotivamente. Anche perché, quando ci viene richiesta in cronaca, 9 volte su 10 è per andare a seguire, ovviamente, qualcosa di grave. Un terremoto, il crollo di ponte Morandi, un femminicidio. E tutto quello che vedi, ascolti, racconti, comunque ti lascia un segno. Nello stesso tempo questo lavoro – soprattutto in queste occasioni – ti fa fare incontri straordinari a livello umano. E vedere posti e realtà che, altrimenti, difficilmente avresti incrociato».

Le piace il nostro sito?
«Sì. Ho sempre trovato molto azzeccata l’idea di un sito sulle telegiornaliste. Ho solo qualche perplessità sul rosa. Magari su questo si potrebbe girare pagina».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster