Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Domitilla Savignoni (2)   Tutte le interviste tutte le interviste
Domitilla SavignoniTelegiornaliste anno XV N. 21 (603) del 19 giugno 2019

Domitilla Savignoni, viaggi e sport
di Silvia Roberto

Tutto inizia in un giornale di quartiere e poi collaborazioni con agenzie di stampa e quotidiani fino all’arrivo nella redazione del Tg5. Domitilla Savignoni ci svela i segreti del suo successo

L’arrivo nella redazione di Mediaset comincia con uno stage, durante il periodo di gravidanza e l’attesa del piccolo Giulio. Che tipo di giornalismo avevamo in quegli anni?
«Per me era tutto nuovo. Ero molto giovane e incinta del mio primo figlio non avevo mai lavorato per una tv: è capitato tutto insieme , una collaborazione con la Rai (per il programma Donne al Bivio) e con il tg5 di Mentana che aveva una redazione nuova e un progetto ambizioso, sfidare il Tg1 ribaltando le regole del tg classico. Ho cominciato in cronaca (giudiziaria) il giornalismo di quegli anni era tutto per strada, a "consumare suole delle scarpe"».

Cosa le è rimasto di più di quella esperienza trasformatasi, poi, in un vero e proprio lavoro?
«Di quella esperienza mi è rimasta l'emozione e l'orgoglio di far parte di quella che a tutti gli effetti era la prima "start up" del giornalismo televisivo, il Tg5, con una grande squadra di giornalisti».

La sua carriera inizia occupandosi di tematiche legate alla sicurezza e alla Difesa. Nel suo blog parla di due passioni che, in quel periodo, stava portando avanti contemporaneamente, ovvero quella per la danza jazz e la strategia militare. Come mai questo interesse per il mondo militare?
«Mi piace la storia e la storia è fatta (ahimè) per lo più di guerre. Forse il mio interesse nasce da lì. Da adolescente leggevo romanzi di spionaggio e azione, e i reportage di Lucia Annunziata dal centro America. Poi ho collaborato con il generale Luigi Caligaris, che mi ha fatto capire quanto le tematiche della sicurezza e della difesa siano importanti per uno Stato».

È stata autrice, co-autrice e curatrice di diverse pubblicazioni, come Eurasia e Jihadismo. Guerre ibride sulla Nuova Via della Seta, e ancora Siria. Il perché di una guerra, un libro scritto insieme a Matteo Bressan, analista e componente del Comitato Scientifico del NATO Defense College Foundation. Poi, nel 2018 è uscito il libro Le nuove vie della Seta e il ruolo dell’Italia di cui Lei è stata curatrice. Di cosa tratta quest’ultima pubblicazione?
«Il volume Le nuove vie della seta e il ruolo dell' Italia è il risultato di un viaggio in Cina nel maggio 2017 invitata dal governo cinese e del lavoro durato 1 anno e mezzo per organizzare un forum a Roma alla Sioi (Società Italiana Organizzazione Internazionale) per presentare il progetto economico cinese di cui, in Italia, ancora non parlava nessuno».

Nella sua carriera professionale ha viaggiato molto, visitando posti diversi, alcuni dei quali definiti “pericolosi” dal punto di vista di sicurezza, terrorismo e altro; è stata in Libia, Kosovo, Israele, Egitto, Siria, Libano, Arabia Saudita, ma anche Budapest, Pechino, Washington, Parigi, Cape Canaveral. Cosa le è rimasto più impresso nello stare in luoghi così diversi dal nostro?
«Io ho sempre amato viaggiare verso l'est e il sud del mondo. Lì dove si trovano persone molto diverse da noi e che vivono in perenne conflitto. Del Medio oriente, nei periodi passati in Israele e nei territori palestinesi, mi è rimasto impresso il mix di violenza e spiritualità che si trova ad ogni angolo di quelle terre. Ho capito lì che cercare il buono e il cattivo di una storia è spesso difficile , che l'equidistanza non è sempre una qualità. Bisogna immergersi nelle situazioni il più possibile per raccontarle al meglio. Cosa che per i giornalisti, oggi, è sempre più raro perché si viaggia meno».

Quali sono gli aspetti positivi e negativi (se ci sono) di questa professione?
«Aspetti positivi del giornalismo sono tanti, oltre a quelli elencati sopra, praticare il mestiere lontano dalla scrivania ti insegna molto: impari a gestire l'ansia e il tempo, a capire cosa è superfluo, ad adattarti a persone e situazioni differenti. Aspetti negativi: oggi si lavora meno sul campo e sei bombardato di fonti e notizie, capire quelle attendibili è sempre più difficile».

Qual è, secondo lei, l’ingrediente principale per essere un bravo giornalista?
«Non uniformarsi mai al senso comune».

Ha alle spalle anche una brillante carriera sportiva. Ce ne vuole parlare?
«I miei dieci anni di agonismo nella ginnastica sono stati difficili ma entusiasmanti. La ginnastica ritmica mi ha dato disciplina, rigore, responsabilità e costanza nel coltivare una passione. Ma mi ha anche insegnato come si lavora in una squadra, nonostante la competizione tra i membri l'affiatamento alla fine è fondamentale per raggiungere risultati».

Se tornasse indietro nel tempo, c’è qualcosa che cambierebbe del suo percorso professionale?
«Farei un'esperienza in una tv straniera per almeno un anno».

Un aggettivo per definire il suo lavoro?
«Frenetico».

Un colore per definire la sua personalità?
«Azzurro mare, quello senza alghe e non profondo».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster