Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Intervista a Emma D'Aquino (2)   Tutte le interviste tutte le interviste
Emma D'AquinoTelegiornaliste anno XIV N. 10 (557) del 14 marzo 2018

Emma D’Aquino: le tante sfaccettature del giornalismo
di Giuseppe Bosso

Abbiamo nuovamente il piacere di intervistare Emma D’Aquino, volto del Tg1.

Arrivare alla conduzione dell’edizione della prima serata del Tg1 per te è stato un punto d’arrivo o un nuovo inizio?
«Sono oltre sei anni ormai, per me ha rappresentato il coronamento di un lavoro che in Rai è iniziato nel 1997, in cui ho fatto davvero di tutto. Inviata di cronaca, ho seguito i processi di casi giudiziari mediatici come il delitto di Meredith Kercher, quello di Cogne. Sono stata testimone di un evento tragico come l’attentato alle Torri Gemelle… e insomma l’elenco sarebbe lungo. Poi la conduzione del principale Tg nazionale, una scelta del mio ex Direttore Mario Orfeo che ringrazio.

Ti senti più a tuo agio seduta alla scrivania o in giro come inviata?
«Il giornalista deve sentirsi addosso tutte le vesti, anzitutto il nostro lavoro è raccontare, rappresentare i fatti, quello che vediamo. A novembre scorso c’è stato l’attentato alla pista ciclabile di New York che ho potuto documentare nell’immediatezza; è un esempio di come intendo il giornalismo; ci sono tante sfaccettature, tanti aspetti, la conduzione è uno di questi».

Lo scorso autunno hai presentato l’evento Women for Women against violence. Le tue sensazioni e cosa pensi di questi eventi?
«Sì, è un evento che è alla terza edizione, nato per aiutare le donne vittime di violenza, ma anche quelle che affrontano una situazione difficile come malattie gravi come il cancro; sono due forme diverse ma ugualmente terribili di violenza che colpiscono le donne e che richiedono in entrambi i casi sostegno e aiuto. Ogni anno individuiamo un paio di associazioni che aiutano le donne, raccogliendo fondi anche con l’aiuto di amici e amiche che partecipano molto volentieri. Prestiamo la nostra faccia, il nostro tempo, sperando di contribuire ad una causa superiore e nobile.. Per fortuna ci sono sempre state tantissime persone amiche che hanno partecipato, attori come Barbara De Rossi, Alessio Boni, colleghi e colleghe…».

Con Alberto Matano hai partecipato a Ballando con le stelle in veste di opinionista: i tuoi ricordi di quella esperienza.
«Direi più commentatrice che opinionista; esperienza divertente che abbiamo affrontato con curiosità e simpatia, nel commentare le performance dei concorrenti e gli interventi dei giurati; per due edizioni ci siamo molto divertiti, nell’uscire una volta tanto dall’atmosfera ‘seriosa’ del Tg, Alberto e io siamo amici da tanti anni e abbiamo partecipato davvero volentieri».

Ti abbiamo vista a Sanremo con il grande Claudio Baglioni...
«Un bellissimo regalo della Direzione di Rai Uno, un riconoscimento al mio lavoro all’interno di una redazione come quella del Tg1. Essere stata chiamata a partecipare insieme a Franca Leosini e Federica Sciarelli, in un’edizione del Festival per me tra le più belle degli ultimi anni è stato un onore… e poi che emozione essere accanto a Baglioni, scherzare con lui, cantare... davvero un regalo».

Ci siamo incontrati per la prima volta 10 anni fa: come pensi di essere cambiata in questo decennio?
«Il tempo ci cambia, nell’aspetto, purtroppo – ride, ndr – ma soprattutto nello spirito. Cambia il modo di vedere le cose, di valutarle, di raccontarle. C’è un percorso di maturazione che è inevitabile e guai se non fosse cosi, voglio dire, se il tempo passasse inutilmente, senza lasciare un segno. Ho certamente una consapevolezza diversa, di me stessa, del mio lavoro. Mi porto dietro un bagaglio comunque positivo questo posso dirlo con certezza».

HOME SCHEDE+FOTO VIDEO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster