Homepage di www.telegiornaliste.com
HOME SCHEDE+FOTO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO

Archivio Telegiornaliste anno XVIII N. 21 (705) del 14 settembre 2022
 
indice della pagina: Tgiste | Tutto TV | Donne
TGISTE Terry Schiavo, rifarei tutto di Giuseppe Bosso

Incontriamo Terry Schiavo, volto televisivo di successo ma non solo, che dall'esordio su Raiuno con la trasmissione Piacere Raiuno ne ha fatta di strada.

Dall段ntrattenimento all段nformazione, un percorso comune a molte sue colleghe: c定 stato un evento particolare che l檀a spinta a questo cambiamento oppure rientra in un percorso di lungo termine?
ォNon ho mai abbandonato l段ntrattenimento, visto che ancora conduco e produco trasmissioni. ネ cambiata piuttosto l段mpronta del format a cui mi dedico che se qualche anno fa era show, adesso talk, inchieste. Per come donna, come giornalista, non ho abbandonato quel lato legato all段ntrattenimento, visto che ancora oggi presento serate, faccio da moderatrice ad eventi, convegni e in questo periodo ho chiuso lavori come testimonial di brand e partecipato a un film con un piccolo ruolo. La carriera che ho formato a partire dai miei inizi, quando avevo ventuno anni, ha semplicemente conosciuto un percorso di crescita; ho iniziato a Piacere Raiuno, poi ho studiato recitazione con grandissimi maestri, italiani e americani; poi, il destino (non credo alle coincidenze) ha voluto che iniziassi a scrivere, prima di prendere il tesserino, cosa che un direttore di Roma mi ha spinto a prendere perch mi avrebbe dato una credibilit in pi, fermo restando che scrivere una cosa che ho amato fin da subito, tanto che ora ho in cantiere il mio quarto libro. Dopo trent誕nni mi sento una professionista completa, non rinnego nulla di quello che ho fattoサ.

ネ stato difficile per lei acquisire credibilit in ambiti diversi da quelli dove si formata?
ォNon penso, ho sempre preso sul serio tutto quello che ho fatto, mi sono impegnata in tutte le mie attivit, i risultati mi hanno dato sempre ragione. Ho scelto sempre ci che nelle mie corde, ho anche rifiutato opportunit che non ritenevo nelle mie corde. E nel nostro lavoro, che molto precario, non facile. Imparare a dire no stato fondamentale, non facile per tutti e lo percepisco in molti colleghiサ.

Successo ha avuto il suo ultimo libro I sette peccati delle donne: com定 nato e da cosa ha tratto ispirazione?
ォIl mio primo libro, Volevo Ballare il bunga bunga anch段o! era molto autoironico, con un messaggio per tutti coloro che vogliono intraprendere la strada dello spettacolo a non scendere a compromessi ma impegnarsi e studiare; un po誕utobiografico e un po池omanzato. Il secondo, Love Factor, parla di amore, con una copertina di Alberto Buzzanca, famoso fotografo di livello europeo. Quindi primo libro titolo provocatorio, secondo con copertina provocatoria. Ho raccolto storie d誕more che rappresentano spaccati di vita. Giunta al terzo libro, che ho scritto a quattro mani con la mia amica e socia Cristina Badialetti, ho deciso di fare una cosa diversa: ogni capitolo racconta un peccato capitale delle donne, che nasce da racconti delle donne pi importanti delle nostre vite (le mamme, le sorelle, le amiche ma anche le nemiche) un manuale che fa sorridere e fa riflettere, stravolgendo l段dea della censura sul peccato della donna, che in ogni capitolo riesce a trasformare quel peccato in una virt. Se vogliamo il libro insegna quanto siamo migliori, pi di quanto possiamo immaginare. In Italia l誕utostima delle donne molto bassa, siamo al 24mo posto nel mondo, la donna tende a censurarsi, a ritenersi sbagliata. Questi racconti fanno capire quanto siamo in grado di evolverci andando oltre le nostre stesse paure, imparando a metterci in discussione per migliorare e crescereサ.

Ripensando al suo percorso, c定 qualcosa che rimpiange di non aver fatto o che tornando indietro non ripeterebbe?
ォRifarei tutto quello che ho fatto, il mio vissuto, le mie esperienze, anche le delusioni, mi hanno portato a essere la donna cazzuta, ma anche dolce e sensibile che sono. Non sono facile caratterialmente, estremamente sensibile ma nel momento in cui mi rendo conto (e viene raccontato nel terzo libro) che qualcuno fa soffrire me o chi mi sta attorno, sono decisa nello spezzare la corda da queste persone. Rimpianti di non aver fatto qualcosa? Ci sono tanti sogni nel cassetto che ho da realizzare e obiettivi da conseguire piuttosto, non bisogna mai smettere di aspirare al miglioramentoサ.

Molto attiva anche sui social, in particolare su YouTube sul suo canale possiamo vedere sia spezzoni del passato che sue attivit recenti: l段deale collante tra le due prospettive?
ォFaccio parte di quella che definita Generazione X, a cui viene rimproverato, con il sorriso, di non essere in grado di comprendere la comunicazione dei social dei giovani: io invece mi sono trovata fin da subito benissimo nell置tilizzarli, senza abusarne sia chiaro, anche tramite delle fidate collaboratrici che mi aiutano. Sono la comunicazione di oggi, un nuovo modo di approcciarsi al lavoro, alternativi sia quello che era ieri la televisione e a quello che oggi la televisione, ma che attenzione! non butto affattoサ.

Su instagram si presenta cos: Essere umano che ama la vita e tutte le sue meraviglie. La mia missione: essere felice e imparare ad esserlo. ネ possibile anche in quest弾poca difficile che stiamo vivendo, dopo pandemia, guerra e problemi ambientali, solo per dirne un paio?
ォNon ha letto tutto per ride, ndr perch alla conclusione della frase c定 un hashtag, resilienza, un termine che forse pochi all段nizio comprendevano ma che ormai stato forse abusato nell置tilizzo con la pandemia. Ma comunque, pur nel cambiamento dei tempi, dei modi di comunicare e di relazionarsi, ha conservato quel suo significato di contrapposizione a durezza, opposto di staticit, di essere ancorati a una posizione o un obiettivo. ネ la cosa che ci pu aiutare ad essere come l誕cqua, nel senso di adattarsi ma di trasformarsi sempre in una persona miglioreサ.

Terry Schiavo si mai dovuta confrontare con la parola bavaglio o qualcuno ha cercato di imbavagliarla?
ォ(ride, ndr) S, ma non credo sia un problema solo per noi donne, ogni giorno c定 qualcuno che cerca di metterti il bavaglio, di ostacolarti. La cosa non mi spaventa, essere liberi mentalmente, essere veri, non farsi condizionare, c定 questo rischio, che non mi ha mai intimoritaサ.
indice della pagina: Tgiste | Tutto TV | Donne
TUTTO TV Piero Angela per sempre con noi di Giuseppe Bosso

Studiate e siate curiosi, cos nato il successo dei miei primi 90 anni.

La democrazia non pu basarsi sull'ignoranza dei problemi, perch uno dei suoi grandi obiettivi proprio quello di rendere i cittadini responsabili e consapevoli, in modo che possano esercitare i loro diritti utilizzando al meglio la loro capacit di capire.

Piero Angela ci ha lasciati lo scorso 13 agosto. Ma il suo ricordo e la sua impronta viva resteranno per sempre scolpite non solo nella storia del piccolo schermo.

Torinese, una grande passione chiamata musica che fin dall段nfanzia lo aveva accompagnato, gli studi al Politecnico interrotti all段nizio degli anni 50 per iniziare la carriera da giornalista che lo vede, tra le altre cose, inviato di guerra in Medio Oriente e in Vietnam e poi alla conduzione, sul finire degli anni 70, del primo Tg2.

Ma il vero 素uoco che lo ha animato e lo animer fino all置ltimo sar quello della divulgazione; dall弾sperimento Destinazione uomo intrapreso nel 1971 alla nascita della sua creatura pi famosa, un nome e una sigla (ci perdoner Johann Sebastian Bach, autore di Suite di n. 3 in re maggiore BWV 1068, che siamo certi lass avr ringraziato Piero Angela della scelta operata nel 1981) inconfondibilmente legati al suo nome.

Quark, nome preso dalla fisica, and in onda per la prima volta la sera del 18 marzo 1981, in seconda serata, per un primo ciclo di puntate che si mantennero sulla media dei sette milioni di spettatori a puntata, con punte di dieci: la scienza in tutte le sue forme, i misteri dell誕ntichit, la scoperta del corpo umano e del nostro pianeta alla portata di tutti la formula vincente di un brand che poi, si rinnovato con altri titoli, fino a Superquark che andato in onda fino al 24 agosto scorso, pochi giorni dopo la scomparsa del giornalista con unultima puntata in cui grande spazio stato riservato al tema ambiente e pianeta in pericolo, pi che mai all弛rdine del giorno in quest弾poca difficile.

Ora il testimone passa definitivamente ad Alberto, che il giorno dei funerali ha voluto ricordare, con commozione, linsegnamento che gli ha trasmesso in una vita che ha paragonato a unesistenza al fianco di Leonardo Da Vinci.
indice della pagina: Tgiste | Tutto TV | Donne
DONNE Prima e dopo Elisabetta di Giuseppe Bosso

Non facile raccontare, sforzandosi di non cadere nella retorica, la storia di una donna, una sovrana, una figura storica che ha segnato pi di una generazione, non solo di sudditi del Regno Unito. Di una Regina salita al trono quando il pianeta non aveva ancora lenito le sofferenze del secondo conflitto mondiale e venuta a mancare in piena tragedia ucraina in corso.

Elisabetta II lascia un vuoto che va oltre le austere stanze di Buckingham Palace. I suoi settant誕nni di regno hanno attraversato guerra fredda, brexit, pandemia, primi ministri (ultima delle quali Elizabeth Truss che passer inevitabilmente alla storia con lultimo atto ufficiale della sovrana) e peripezie familiari, dalla tragica scomparsa della mai troppo amata Lady D alle turbolenze dei nipoti Harry e William.

Al figlio Carlo il difficile compito di guidare il Regno Unito verso il futuro, pieno come non mai di incognite per i tempi grami che non solo la Union Jack attraversa; a noi tutti il ricordo e l段mpronta di una sovrana che, in silenzio ma con determinazione, ha segnato unepoca unica e irripetibile.
indice della pagina: Tgiste | Tutto TV | Donne



HOME SCHEDE+FOTO FORUM PREMIO TGISTE TUTTO TV DONNE INTERVISTE ARCHIVIO
Facebook  Twitter  Instagram

Telegiornaliste: settimanale di critica televisiva e informazione - registrazione Tribunale di Modena n. 1741 del 08/04/2005
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso del webmaster